Cantinette

L’italia ha alle sue spalle un’antica tradizione vinicola e per questo viene considerato uno dei maggiori Paesi a produrre ed esportare vino in tutto il mondo. Il Belpaese è favorito soprattutto dai diversi climi che si differenziano da Nord a Sud e da molteplici tipologie di colture che permettono di realizzare una vasta gamma di vini che si contraddistinguono per quantità e qualità. Per questi motivi sono molti coloro che decidono di allestire un’enoteca nella propria abitazione, per avere sempre a portata di mano una buona bottiglia di vino.

Cantinette per Vino

Per capire però come scegliere la cantinetta da vino che più faccia al proprio caso, è necessario conoscere prima di tutto il suo funzionamento. Questo strumento è infatti dotato di un apposito sportello anteriore costituito da vetro temperato per impedire alle bottiglie di venire a contatto con la luce esterna. All’interno della cantinetta ci sono delle mensole, create per poter collocare nel modo più corretto il vino che va disposto orizzontalmente. Tra i numerosi modelli di cantine che si possono trovare sul mercato, esse possono essere dotati di due o più ventole per vedere sempre favorito ricircolo dell’aria ed una temperatura costante.

Le cantinette da vino appartengono sopratutto a due tipi di famiglie: quelle dotate di impianto termoelettrico e quelle che dispongono di un compressore. La prima tipologia di cantina permette un minor costo dei consumi e una grande silenziosità al contrario però non riesce a favorire l’abbassamento della temperatura interna se i gradi esterni sono molto elevati. Le cantinette dotate di compressore invece sono in grado di contribuire al raffreddamento delle bottiglie di vino ma disperdono più energia.

Tipologie di cantinette per vino

Prima di acquistare qualsiasi tipo di cantina da vino è necessario tenere a mente alcuni fattori che sono fondamentali per poter conservare inalterate per anni le proprietà del vino. Occorre così valutate attentamente tre aspetti: l’umidità, l’oscurità e la temperatura della singola abitazione. Per quanto concerne l’umidità è necessario che il luogo predisposto per la collezione del vini e della sua cantinetta sia uno spazio piuttosto scuro e fresco, dotato inoltre di spesse mura.

Per quanto riguarda invece la temperatura occorre tenere in mente che questo è un fattore decisamente importante in quanto permette di conservare inalterati i sapori e gli aromi della bevanda alcolica. Sia il freddo che il caldo possono infatti creare delle situazioni particolari che rischiano di compromettere irrimediabilmente l’acidità e il livello di alcool presenti nel vino. E’ così fondamentale conoscere la temperatura ideale in cui la bevanda alcolica va conservata. Nel caso del viso rosso infatti è necessario predisporre una temperatura di massimo venti gradi, per il vino bianco non deve raggiungere i tredici gradi mentre gli spumanti devono rimanere sotto gli otto gradi. Alcuni modelli più costosi sono costituiti da due parti nelle quali è possibile far conservare il vino con temperature diverse; soluzione particolarmente indicata se si vuole avere a propria disposizione sia bottiglie di vino rosso che bianco.

Materiali e dimensioni delle cantinette da vino

Per capire quale sia il tipo di cantinetta da vino che più faccia al proprio caso è necessario conoscere anche nel dettaglio i materiali con cui essa viene formata. Le cantine da vino vengono di solito realizzate con due tipi di materiali: legno o plastica. La prima tipologia consente di dare alla casa un maggiore impatto estetico ma risultano essere molto costose mentre quelle di plastica sono facilmente smontabili, permettono di poter posizionare le bottiglie su più strati e possono essere lavate con estrema facilità.

Occorre poi sapere quante bottiglie si intende conservare all’interno della cantina da vino. In base a questo sarà così necessario scegliere il modello che più faccia al proprio caso che può contenere un minimo di otto bottiglie fino ad un massimo di trecento. In base alla spazio che si ha a disposizione in casa è necessario inoltre valutare le dimensioni della cantinetta. In alcuni casi infatti esse possono essere paragonate ad un vero e proprio armadio mentre nelle dimensioni più piccole vengono messo a confronto con un forno a microonde. Tra i vari fattori da tenere in mente durante l’acquisto vi è anche la classe energetica. Se infatti si pensa di utilizzare la cantinetta per l’intero anno occorre optare per un modello che consumi il meno possibile così da risparmiare sul costo dell’energia elettrica.